150° anniversario della salita dell’Adamello - Travel Mountain Blog
Fashion

150° anniversario della salita dell’Adamello

Di: Mirko Sotgiu - July 23, 2014


Corre quest'anno il 150° anniversario della salita del Monte Adamello, un anniversario al dire il vero che lega altri due gruppi montuosi sempre della zona, la Presanella e le Dolomiti di Brenta. . valdigenova_0152_web   Era il 1864 l'anno in cui il 22 Luglio John Ball  raggiunse le vette inviolate del gruppo del Brenta, compiendo una traversata per la Bocca di Brenta. Nello stesso anno il 27 agosto, l'inglese William Douglas Freshfield riuscì a raggiungere la vetta della Presanella la più alta del Trentino. Qualche settimana più tardi l'impresa di Julius von Payer, il 15 Settembre, noto pittore ed esploratore Boemo, portò l'alpinista sulla vetta del Monte Adamello.   Adamello_dal-Passo-Cristallo_web Assieme a tre guide della Val Rendena, Julius Payer nel 15 Settembre 1864 compì la prima ascensione dell'Adamello. Questa montagna fu scoperta dal giovane cartografo di guarnigione a Verona nel 1862. Le tre guide che lo accompagnarono nell'impresa furono: Giovanni Caturani, Girolamo Botteri e Antonio Bertoldi, che supportarono Payer con funi agricole e poco altro. I quattro partirono dalla Val Rendena e nel 5 settembre 1864 raggiunsero la cresta di fronte al Pian di Neve, detta poi Cresta Croce. Le tre guide trentine si rifiutarono giunti a quel punto di proseguire, a Payer non rimase che scendere seguendo un percorso non facile per i crepacci del Mandrone. Pochi giorni dopo, precisamente il 15 Settembre, alle 3 della notte, Payer si sveglio e incalzò le guide con una frase che pare fu questa. "Non ritorni niuno senza Adamello". Nonostante disguidi e incomprensioni con le guide trentine, che a dir di Payer non erano collaborative e tiravano alla lunga, l'alpinista boemo si tirò dietro l'intera cordata con ferma decisione.   adamello_fumo0149_web Arrivati ad alcune ora dal Corno Bianco i quattro si accorsero che la distanza che era da coprire sul ghiacciaio per arrivare sull'Adamello era ancora lunga. Bottani colpito dal mal di montagna ripiegò verso valle, Payer con le guide Bertoldi e Caturani invece continuò la via. Alle 11:15 del 15 Settembre 1864 Payer arrivò in vetta a 3539m. Fu l'unica impresa in Italia per Payer. Seguirono altre ascensioni, come ripetizioni della Presanella nel 1868. Payer si dedicò poi alla cartografia della zona, preparando cosi tutte le informazioni della prima cartina militare della zona. Il 1864 fu un anno sicuramente da ricordare per i pionieri dell'alpinismo e per le storie intrecciate tra questi gruppi montuosi cosi vicini che consegnarono al grande pubblico le prime magnifiche viste di queste montagne. Come molti alpinisti, seguiremo su questo blog la salita dell'Adamello il 15 Settembre 2014.Ricordando cosi l'impresa di Payer oltre che per riscoprire una montagna molto importante per la lunga storia di guerra che è passata fra le sue pareti.   Note sulle immagini: Le immagini di questo articolo risalgono al 1996 - Velvia 50 - Nikon FM2.

Mirko Sotgiu