Trekking fotografici

Espressione Naturale a Bergamo

di: Mirko Sotgiu

Mirko Sotgiu presenta una serie di 20 stampe a colori, raccolte in 12 pannelli di grande formato. Grafie e forme costruite con la luce, naturale o artificiale e frutto di un processo interamente fotografico ed attraverso una rielaborazione digitale minima, limitata al contrasto per realizzare la stampa. Espressione Naturale è un “work in progress” iniziato nel 2002 e che continua ancora oggi. Le cornici di questa mostra sono state lavorate a mano (pannelli di betulla dipinti di nero, alcuni dei quali sono stati trattati con foglie ed altri elementi dipinti secondo una tecnica assimilabile al découpage) dallo stesso autore.

locandina_bergamo_mostra_land
In tour da maggio 2014 ha visto la mostra esposta a Palazzo Turati a Milano, il Polo della Fotografia di Genova e presso l’ Auditorium S.Francesco di Chiavari, città dell’autore.
Proprio a Chiavari nel Novembre del 2014 le opere sono state colpite, come tutta l’attività del fotografo dall’alluvione del torrente Entella. Le stampe furono completamente sommerse, ma fortunatamente non distrutte. L’autore ha deciso di non ripristinare le stampe ma di esporle con i segni di quanto accaduto. Espressione naturale così oggi non è solo un’opera dell’autore, ma porta anche i segni che la natura stessa ha voluto firmare.

Pannello12_frostca_1

L’autore degli scatti descrive l’essenza e le suggestioni:

Tutto è dovuto al vento.
Il vento muove molti elementi naturali,muove enormi masse di umidità che diventano poi fiumi e mari, muove le foglie nelle più differenti direzioni. Seguire questo movimento è come farsi cullare da madre natura.
Seguire il movimento degli elementi naturali, come le nuvole, gli animali, le foglie, per capire, per cambiare il punto di vista e ricercare quello del vento e del suo movimento.
Dai boschi autunnali, passando per i temporali di tarda sera estivi, i fiumi e il mare, una serie di immagini che con la loro morbidezza cullano le nostre menti pensando al movimento dell’aria e la sua interazione con gli elementi.

Diventa definitiva l’idea progettuale: il continuo fluire degli elementi naturali di cui protagonista è il vento, attore di un moto perpetuo insito nell’ambiente, nelle nuvole, nelle foglie, negli animali.

 

Pannello9_bear

Mirko Sotgiu nasce a Genova nel 1977 ed è un foto giornalista di reportage geografico, viaggio, outdoor e montagna, oltre alpinista. Si occupa di fotografia e film documentari dal 1997 ed ha pubblicato su molte riviste straniere e nazionali tra cui Meridiani, Bell’Europa, Meridiani Montagne, La rivista della Natura, Qui Touring, ALP, Piemonte Parchi, DigiPhoto, Telemarktribe, Vivere la Montagna, Outdoor Web Magazine. Specializzato in fotografia e film in ambiente montano, oltre ad essere un ottimo alpinista, ha viaggiato in tutte le catene montuose europee e realizzato spedizioni oltreoceano, realizzando un ricco archivio dalle immagini di paesaggio/natura e sport outdoor a quelle più estreme di alpinismo.
Al di là del settore editoriale, si occupa di realizzare progetti fotografici personali legati alla natura ed alla montagna, con una forte attenzione al paesaggio.
Sino al 2013, ha ricoperto il ruolo di photoeditor per la rivista di viaggio Ev-Magazine ed ha collaborato con la Manfrotto School of Xcellence, il portale didattico di fotografia internazionale del gruppo Manfrotto. Dal 2006 è fotografo di redazione della rivista di natura Oasis, in cui è redattore fisso della rubrica di fotografia.
Nel 2008 collabora per il progetto “Share Everest” con United Nation Envinronment Programme e l’Ev K2 CNR con i suoi slideshow e filmati di sensibilizzazione sull’ambiente montano. Collabora con i ricercatori nella realizzazione di studi e libri sulla botanica ed il clima dei parchi alpini, prealpini e marittimi per il WWF. Lavora inoltre nei progetti di comunicazione per il Parco dello Stelvio, Parco Naturale delle Orobie Valtellinesi, Parco Regionale delle Groane, Parco Regionale del Serio, Parco Regionale delle Grigne, Parco dello Stelvio, WWF Italia, Greenpeace. Recentemente ha terminato il documentario “Una scommessa vinta” girato per il Parco Adda Nord che prossimamente verrà presentato al pubblico.
Ha proiettato il video “Climate Change” per la conferenza internazionale ONU-Unep “Mountains as Early indicators of climate change” a Padova ed il film “Espalemit”, proiettato al Mountain PhotoFestival di Aosta nel 2008. Membro dell’associazione Mountain Wilderness, Associazione TAU Visual, GIST – Gruppo Italiano Stampa Turistica.
Ha terminato nel 2008 il tour (di cinque anni) della mostra “Viaggio nelle Alpi” presentata tra Milano, Aosta, Genova, Bormio e Cusio in Val Brembana.
Nel 2009 ha proseguito con la Mostra “Atmosfere alpine” a Bergamo, Lugano, Novara, Varese, Torino.
Nel 2014, ha presentato “Sguardi su Madrid”, mostra esposta alla Triennale di Milano nell’ambito del festival “l’Arte al tempo della Crisi”. Negli ultimi dieci anni, ha esposto anche in mostre itineranti fra cui “Istantanee di Territori”, “Alpi, ecosistema in pericolo” per Greenpeace a Trezzo d’Adda.

 

Info:
La mostra si terrà a Bergamo, presso il Palamonti – Sezione di Bergamo “Antonio Locatelli” del CAI – Via Pizzo della Presolana, 15

Sarà visitabile nei seguenti giorni e orari:
Dal 3 Marzo al 4 Aprile 2016.
Dal Lunedi al Mercoledi e sabato 9:00-13:00 – 14:30-18:30 – Giovedi e Venerdi 14:30 – 18:30 – Domenica chiuso

 


Tags: , , , , , , , , ,
Questo articolo è in: Articoli - news - primo piano