La magia dei boschi dell’Aveto - Travel Mountain Blog
Fashion

La magia dei boschi dell’Aveto

Di: Mirko Sotgiu - November 3, 2013


Un luogo che non annoia mai. In effetti come può un bosco in autunno dovunque voi vi troviate annoiare? . L'Aveto è uno dei boschi dell'appennino ligure che rende di più l'idea dell'autunno, grazie alla sua pregiata varietà di specie arboree, dal Faggio, il frassino, roverella e farnia, senza dimenticare gli abeti che rimangono verdi tutto l'anno. Sono proprio le specie caducifoglie a regalare i colori pastello più belli. . paesello_aveto_DSC2184_web . Il nostro tour quest'anno è cominciato da Alpicella, sfruttando le condizioni di luce più interessanti per una fotografia, il passaggio del sole fra una nuvola e l'altra. . gavadi_DSC2392_web . aveto_roccia_web . Prima che la luce del sole se ne andasse completamente abbiamo sfruttato tutti gli "spot" interessanti per raccontare il variegato paesaggio dell'Aveto, da Santo Stefano fino quasi alla forcella. Interessanti infatti sono le particolari formazioni rocciose. La storia geologica dell'Aveto è legata ad un oceano del passato: l'Oceano Ligure-Piemontese e alla rocce che ha lasciato: le ofioliti che affiorano in varie parti del parco. . Aveto_ansa_web . Fra le fratture del terreno di questo antico oceano che si è sollevato e che nei milioni di anni ha subito anche le glaciazioni, il torrente Aveto ha trovato la sua strada verso il mare. (Non il Mar Ligure bensì l'Adriatico via Trebbia e Po). . aveto_DSC2607_web . Sulle coste delle montagne, vivono i favolosi boschi a prevalenza di faggio. Con attenzione sopratutto nella stagione primaverile si può osservare la moltitudine di specie botaniche,  endemiche e i "relitti" glaciali che il parco offre. Una biodiversità che fa dell'Aveto uno scrigno di ricchezza e di varietà geologiche nell’ ambito dei parchi naturali del levante Ligure. . aveto_DSC2481_web . I boschi sono il luogo ideale per trovare pace ed in questo parco offrono anche ricchi spunti fotografici. Grazie alle abbondanti piogge (oltre 3000mm l'anno) nel sottobosco scorrono molti ruscelli. . curve_aveto_DSC2396_web . Non è raro quindi, specie nella stagione autunnali trovarsi in una giornata di pioggia, anche fine, e immersi completamente nella nebbia, che agli effetti dona un fascino tutto speciale a questo luogo dai colori molto saturi. . aveto_DSC2507_web . Se poi con l'arrivo del vento, le foglie iniziano a cadere e dopo comincia a piovere, nello stesso giorno avremo potuto vivere l'esperienza delle quattro stagioni in poche ore. Un po come succede in quelle terre vicino all'oceano. In effetti qui il mare dista una quarantina di chilometri e i due climi, quello mediterraneo e quello continenatle della pianura Padana "lottano" fra loro lungo il crinale. Durante il nostro phototour la giornatà è iniziata diciamo "mediterranea" per finire tipicamente nordica. . flash_landscape_forest_DSC2340_web . Ecco che con un po di pioggia i colori, che prima erano morbidi e lattei, diventano accesi grazie anche alla complicità di luce aggiuntiva e filtri. Non occorre Photoshop per ottenere immagini supercariche, basta un polarizzatore, tanta pazienza ed un minimo di post produzione dei contrasti. Ecco che in un unica foto che evade alcune regole, si può leggere tutto ciò che il bosco dell'Aveto sa offrire: Acqua, felci, faggi e colore!! . sclero_DSC2277_web . Lasciandosi andare dai colori violenti delle foglie, prendendosi anche qualche minuto di esagerata creatività nell'uso dei flash, ci si può poi rendere conto che sotto tutte queste foglie esiste una forma di vita tipicamente autunnale: I funghi. . funghi_24mm_DSC2416_web . I primi sono quelli più appariscenti, sugli alberi, che richiedono una sapiente illuminazione oltre che composizione per illustrare come e dove crescono. . amanitamuscaria_aveto_DSC2465_web . Successivamente guardanto a terra ecco che il mondo micologico da il meglio di se, regalandoci per esempio due splendide amanita muscaria. . funghi_50mm_DSC2438_web . E altri tre piccoli funghi di colore viola. . fungo_aveto_DSC2442_web . Il "mico" cosmo non smette di stupire ed ecco che quello che sembrava una spugna abbandonata nel bosco è in realtà un altro essere vivente, un fungo che se visto attentamente è una piccola foresta, sembra una colonia. . Questo è molto altro vedremo nelle prossime edizioni del nostro Workshop fotografico in Val D'Aveto che si tiene ogni anno ormai dal 2006. Lo so sono di parte in quanto nato a pochi chilometri, sul mare, da questa meravigliosa valle, ma non finirò certo oggi di raccontarvi di questi luoghi che sono ricchi di una biodiversità che sempre più spesso è in pericolo.              

Mirko Sotgiu